Anche poco sale fa alzare la pressione


Troppo sale? Aumenta il rischio di ipertensione arteriosa. Poco sale? Aumenta il rischio di ipertensione arteriosa. Un paradosso che è stato evidenziato da una ricerca della Boston School of Medicine effettuata su 2.632 persone fra i 30 e i 64 anni e presentata durante la conferenza “Experimental Biology 2017” svoltasi nei giorni scorsi a Chicago. E se era ampiamente noto che l'eccesso di sale facesse aumentare la pressione sanguigna, è decisamente sorprendente sapere che anche il comportamento opposto porta alle medesime conseguenze. 

Dall'analisi dei dati è emerso che dopo 16 anni dall'inizio dei test, coloro checonsumavano meno di 2,5 milligrammi di sodio al giorno avevano una pressione sanguigna superiore a quella delle persone che ne assumevano di più. “Non abbiamo osservato nessuna prova che dimostri che una dieta povera di sodio abbia effetti positivi sulla pressione sanguigna nel lungo termine – spiegano gli autori -. I nostri risultati si aggiungono alle evidenze scientifiche che suggeriscono che le attuali raccomandazioni sull'assunzione di sodio potrebbero essere errate". Ai fini della pressione sanguigna, lo studio ha inoltre messo in luce l'importanza del consumo di potassio, magnesio e calcio livelli di consumo più alti erano associati a una pressione arteriosa più bassa e viceversa. E se la quantitaà di questi minerali assunta con una normale alimentazione è insufficiente, vi è sempre la possibilità di ricorrere ad un'integrazione con gli appositi prodotti che si possono trovare in farmacia. 

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: