L'insonnia si trasmette dalla madre ai figli


L'insonnia può essere contagiosa e si trasmette da madre a figlio: se la mamma non dorme bene, neanche i bambini dormono bene: come emerge da uno studio dell’università inglese di Warwick e di quella svizzera di Basilea appena pubblicato sulla rivista Sleep Medicine, il sonno dei bambini e quello delle loro mamme si influenzano reciprocamente.

L’esperimento è stato condotto su 200 bambini in buona salute e di età compresa tra i 7 e i 12 anni. Allo stesso tempo sono stati monitorati i loro genitori. Il metodo di rilevazione per quanto riguarda i piccoli è stato l’elettroencefalografia notturna – un esame che permette di controllare l’attività elettrica cerebrale – mentre i genitori hanno riportato quotidianamente la qualità del loro sonno attraverso specifici questionari. Alla fine è emerso che i bimbi dormono peggio se le madri soffrono di sintomi di insonnia o se dormono poche ore e/o male: si addormentano più tardi, dormono meno e trascorrono minor tempo nella fase profonda del sonno. Questa relazione invece non vale per i padri: i loro problemi di sonno sono indipendenti da quelli dei figli, non c’è relazione o reciprocità.

I motivi? Gli scienziati hanno fatto alcune supposizioni ma non hanno dato risposte certe. E quindi una causa sarebbe da ricercare nel fatto che fin da piccolissimo il figlio di solito passa più tempo con la madre ed è più facile che ne assorba le abitudini, comprese quelle del riposo, rispetto al padre. In questo contesto non è da non sottovalutare neanche l’effetto emulativo in generale: se i genitori vanno a dormire tardi è probabile che il figlio faccia (o voglia fare altrettanto). Infine la predisposizione a dormire male potrebbe avere anche cause genetiche. 

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: