Addio a Bea, la ‘bimba di pietra'


La sua malattia è talmente rara e sconosciuta che, oltre a non avere una cura, non ha neanche un nome specifico. Si tratta di una sindrome che ha reso progressivamente rigide le articolazioni. Per questo la piccola Beatrice era stata soprannominata “la bambina di pietra". Otto anni e una grande forza d'animo: la piccola ha combattuto a lungo contro la patologia fino a quando non si è arresa il 14 febbraio ed è morta in un letto dell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino, la sua città, per un arresto cardio-respiratorio.

La sua storia ha commosso tutta l'Italia anche perché la piccola lo scorso 6 agosto era rimasta orfana di madre, uccisa da un tumore a 35 anni. A dare l'annuncio del decesso della bimba è stata la zia con un post sulla pagina Facebook “Il Mondo di Bea”, l'associazione creata per sostenere la nipote e per sensibilizzare la ricerca sulle malattie rare: “Beatrice questa sera è volata via - ha scritto la donna-. In questo giorno, dedicato agli innamorati, ha deciso di correre ad abbracciare la sua mamma. Saperle insieme sarà la nostra forza". 

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: