L'influenza durerà ancora un mese


Contrordine. L'emergenza non è ancora finita, bisognerà attendere l'arrivo della primavera e l'innalzamento delle temperature per sbarazzarsi dell'influenza. Ci sarà infatti ancora un mese di passione: è il colpo di coda dell’epidemia che quest’anno non dà tregua. Infatti, come rendono noto gli esperti, c’è un ceppo addizionale di influenza B che ha complicato le cose. Precisamente, come spiega all’Adnkronos salute Pierangelo Clerici, presidente dell’Associazione microbiologi clinici italiani, “nella stagione in corso hanno circolato 4 distinti ceppi di virus dell’influenza (AH1N1, AH3N2, B/Victoria e B/Yamagata), mentre normalmente co-circolano 3 ceppi influenzali. Il 66% delle infezioni risulta sostenuto proprio dal ceppo virale aggiuntivo B/Yamagata”.

Il risultato? Anche se il picco dei contagi è ormai alle spalle, si stima che l’influenza non dia tregua per almeno altre tre-quattro settimane col probabile risultato che a fine stagione verranno toccati gli 8 milioni di ammalati, uno dei numeri più alti degli anni recenti. Un record poco invidiabile. Bisognerà dunque armarsi di pazienza e aspettarsi nuovi casi in famiglia con i bambini, come al solito, tra i più colpiti. 

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: