Tripofobia: come si cura la paura dei buchi

Pubblicato il 04/06/2020


La tripofobia è una paura rara, poco documentata e non ancora riconosciuta come disturbo mentale. Vediamo come si cura la tripofobia, la paura dei buchi.

Tripofobia: come si cura la paura dei buchi

Prima di vedere come si cura la tripofobia, la paura dei buchi, occorre spiegare che cosa è la tripofobia. Si tratta dell’immotivato timore dei materiali o degli schemi a buchi, naturali o artificiali. E’ una paura poco conosciuta e sebbene non siano stati condotti molti studi sulla tripofobia, molti ricercatori sostengono che sia dovuta alla repulsione biologica che associa le forme tripofobiche a pericolo o malattia. Nel caso di una paura eccessiva, persistente e associata a uno stress molto forte, la tripofobia può essere considerata come fobia specifica. Non essendo catalogato come disturbo mentale, non si può ancora dire con certezza chi esegue la diagnosi di tripofobia.

Quali sono i sintomi della tripofobia?

Possibili cause della tripofobia includono gruppi di buchi in contesti innocui, come in frutti o bolle, o più pericolosi, come per esempio i buchi scavati da insetti o le cavità presenti nelle ferite o nei tessuti malati di animali specialmente cani. Dopo la visione di queste forme alcune persone hanno accusato brividi, attacchi di panico, sudore freddo, palpitazioni, nausea, prurito immotivato, disturbi visivi come affaticamento degli occhi, distorsioni o illusioni ottiche.

Tripofobia e ansia

La tripofobia può derivare da un grave stato di ansia. L’ansia è una risposta emozionale ad una percezione di minaccia esterna, un disagio. L’ansia è spesso accompagnata da comportamenti simili alla paura, tuttavia quando è fisiologica, aiuta le persone a prepararsi, ad allenarsi, aiuta pertanto a migliorare le prestazioni o ci allerta da situazioni di pericolo. L’ansia invece non fisiologica è controproducente, causa sofferenza e diverse disfunzioni comportamentali.

Tripofobia: le cure

Tuttavia, gli specialisti del campo della psiche (psichiatri e psicologi in primo luogo) possono aiutare a risolvere questo problema. Individualmente si può agire cercando di eliminare le fonti di ansia e di stress: i consigli che diamo in merito alla dieta e allo stile di vita sono: eliminare caffeina, alcool e zuccheri, controllare se presenti le allergie alimentari, praticare esercizi di rilassamento anche per pochi minuti al giorno, fare esercizio fisico, provare con la terapia di gruppo e familiare soprattutto per risolvere problemi di lunga data. Tra le piante fitoterapiche utilizzate per trattare i disturbi di ansia ritroviamo il biancospino, la passiflora, il tiglio. La clinica li ha confrontati spesso alle benzodiazepine, che sono i farmaci di elezione, con risultati che confermano l’efficacia e la sicurezza. Tra i prodotti raccomandiamo: Ansimel capsuleNeuroson light capsuleVagostabil compresseAnsileve capsule, Arcangea serenum.

Come curare la tripofobia

Puoi trovare prodotti per curare la tripofobia sul sito Bosciaclub. Bosciaclub è una farmacia online dove puoi acquistare i migliori prodotti, integratori e rimedi naturali. Tra i prodotti omeopatici consigliamo: Igeakos Sin gocce, Pekana gocce, Imo omeopatia Rem. Il nostro team di farmacisti è inoltre lieto di poterti consigliare su come affrontare tutti i problemi legati alla tua salute. Contattaci e iscriviti alla newsletter per ricevere promozioni e buoni sconto.

Prodotti correlati

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: