Anosmia: la perdita dell’olfatto un sintomo da non sottovalutare

Pubblicato il 11/02/2021


Abbiamo sentito parlare di Anosmia frequentemente dall’inizio della pandemia di Covid-19. È stato infatti riscontrato che l’anosmia (perdita dell’olfatto) e l’ageusia (perdita del gusto) sono sintomi che si presentano improvvisamente senza patologie nasali o neurologiche, durante le infezioni di coronavirus in una buona percentuale di pazienti.

Questo accade perché il virus colpisce le terminazioni nervose olfattive raggiungendo i centri orbitali frontali responsabili dell’olfatto e del gusto.
Si stima che l’anosmia colpisce fino al 60% dei pazienti affetti da Covid 19. Di solito compaiono nella fase inziale dell’infezione e scompaiono dopo qualche settimana, durante la fase di guarigione. Pertanto, la ricomparsa dell’olfatto e del gusto in un paziente affetto da Covid-19, sono indice di guarigione.

Esiste una cura per l’anosmia nel paziente affetto da Coronavirus?

Non esiste una cura che abbiamo dimostrato il recupero rapido della funzione olfattiva e del gusto e si ritiene inutile utilizzare spray nasali o orali, tantomeno altri tipi di farmaci non prescritti dal medico specialisti.

La perdita dell’olfatto può anche colpire soggetti non affetti da covid-19


La perdita dell’olfatto può essere parziale (iposmia) o completa (anosmia), può essere temporanea o permanente a secondo delle cause.
È un sintomo da non sottovalutare perché può avere impatto sulla qualità di vita, può condizionare l’alimentazione e pertanto il peso, o può favorire l’insorgenza della depressione

Quali sono le cause dell’anosmia?

Le cause più comuni per la perdita di olfatto sono dovute a problemi alla mucosa nasale, ostruttivi alle vie nasali, neurologici, oltre all’invecchiamento. È infatti fisiologica una perdita di olfatto dopo i 60 anni di età.

L’anosmia è molto comune in caso di:

  • Raffreddore comune
  • Sinusite
  • Febbre da fieno e rinite allergica
  • Influenza
  • Fumo
  • Ostruzione delle vie nasali
  • Alcuni farmaci per la pressione arteriosa, antistaminici ed antibiotici o spray contenenti zinco
  • Esposizione a sostanze chimiche in alcuni insetticidi o solventi

In queste condizioni è un sintomo, che rimossa la causa si risolve spontaneamente.
Quando invece sono coinvolti il sistema nervoso, la funzione cerebrale o processi infiammatori è necessario un maggiore approfondimenti diagnostici da parte del medico specialista.

Le cause meno comuni della perdita di olfatto sono:

  • Setto deviato
  • Polipi nasali
  • Tumori
  • Morbo di Alzheimer
  • Aneurisma cerebrale
  • Diabete
  • malattia di Huntington
  • Sindrome di Kallmann
  • Sindrome di Klinefelter
  • Psicosi di Korsakoff
  • Sclerosi multipla
  • Malattia ossea di Paget
  • Morbo di Parkinson
  • Malattia Niemann-Pick
  • Rinoplastica
  • Schizofrenia
  • Sindrome di Sjogren
  • Trauma cranico
  • Carenza di zinco

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00