L'influenza sarà “a bassa intensità"


Contrordine. Gli esperti fanno sapere che quest'anno l'influenza non sarà così terribile come avevano previsto in un primo momento. Complici le temperature più alte del solito, fino ad ora non si è registrato il temuto picco. Ci sarà uno slittamento e si verificherà a febbraio e, come rende noto Giovanni Rezza, direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità, non sarà virulento. Ad oggi, i casi totali registrati non hanno ancora superato il tetto del milione e, nonostante le attese punte, non verranno supererai i livelli dello scorso anno. Si tratta, come chiarisce Rezza, di una stagione ''a bassa intensità''. Inoltre a facilitare le cose c'è il fatto che i virus attualmente presenti sono coperti dai vaccini: l'AH1N1, l'H3N2 “che la precedente stagione aveva subito una mutazione mentre quest'anno non è successo". 

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: