E' arrivato il picco dell'influenza


Era atteso da tempo e, alla fine, si è presentato. In ritardo e con meno casi e complicazioni rispetto agli ultimi anni ma alla fine si è presentato: il picco stagionale dell'influenza. La punta dell'iceberg è stata raggiunta in questi giorni: solo nella scorsa settimana in tutta Italia sono stati registrati dai medici sentinella 371.400 casi, per un totale dall’inizio della sorveglianza di circa 2.346.000 casi. L’Emilia Romagna e il Piemonte sono tra le regioni più colpite. “La curva epidemica delle sindromi influenzali continua a crescere, alimentata soprattutto dalla classe di età 5-14 anni, mentre per i bambini sotto i 5 anni di età il numero dei casi, in questa settimana, è diminuito”, sottolinea il report del ministero della Salute.

Chi ha raffreddore e tosse, dolori articolari e febbre anche molto alta ha quindi contratto molto probabilmente il virus dell’influenza. Tuttavia, occorre tener duro un altro po', siamo quasi alla fine. Come rendono noto gli esperti, la diffusione del virus durerà ancora per qualche settimana con livelli di contagio molto alto, per iniziare a scemare a marzo e in previsione dell’arrivo della Primavera. Per il momento copritevi bene, evitate (per quanto possibile) stretti contatti con parenti, amici e colleghi ‘appestati' e ricordate che in farmacia si possono trovare ottimi prodotti per prevenire e per curare. 

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: