Autismo, arrivano fondi per la diagnosi precoce


Sono in arrivo due milioni di euro stanziati dal ministero della Salute a favore del Network Italiano per il riconoscimento precoce dei disturbi dello spettro autistico dell’Istituto superiore di sanità. Ad annunciarlo ad Ansa salute è Maria Luisa Scattone, responsabile del Network, nell'imminenza della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, in programma il prossimo 2 aprile.

Amplieremo fino ai 18 mesi di età gli studi sul pianto ed il movimento dei bambini come ‘segni’ precursori della malattia ed avvieremo in tutta Italia – fa sapere la dottoressa Scattone – un piano per lo screening precoce con i pediatri, che compileranno dei questionari ad hoc e, in caso di positività, indirizzeranno il bambino e la sua famiglia verso un centro nazionale di riferimento Nida, l’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico ‘Medea’ di Bosisio Parini, Lecco”.

Sempre nell’ottica della diagnosi precoce, l’Istituto superiore di sanità sta lavorando per mettere a punto dei marcatori biologici e a questo proposito sono state reclutate un centinaio di donne in gravidanza: ”Studieremo i movimenti fetali – conclude Scattone – e monitoreremo già in grembo i segnali collegati a questo disturbo”.

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: