Pokémon Go? E' roba da psichiatri


La Pokémon mania è una malattia della psiche. Più precisamente un comportamento "fortemente immaturo che aggancia diverse generazioni su un obiettivo apparentemente assurdo e infantile, specchio di una contemporaneità decadente". E' la riflessione di due esperti, Donatella Marazziti, docente di psichiatria a Pisa e direttore scientifico della Fondazione Brf, e il giornalista e sociologo Mario Campanella, componente del comitato scientifico della stessa Fondazione. 

"Tra due anni la Pokémon mania, pratica compulsiva e adultescenziale che ormai coinvolge tanti over 30, riguarderà un adulto su due tra quelli informatizzati", rendono noto gli esperti a proposito di Pokémon Go, gioco che ormai ha coinvolto nella ‘ricerca' adulti e bambini. "E' pensabile - concludono Marazziti e Campanella - che questa infantile compulsione rappresenti una sorta di rimozione generale dai problemi che angosciano il mondo e da un presente che richiederebbe, invece, ben altri comportamenti". Ed ancora: "Un meccanismo di regressione che ammorba e coinvolge strati di popolazione adulta, 'alleati' con bambini e adolescenti a esercitare il ruolo di cercatori di Pokémon".

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: