Pixel facebook
 
Skin ADV

Epatite C, chiesti prezzi etici per i farmaci

Epatite C, chiesti prezzi etici per i farmaciLe trattative sono appena iniziate ma le condizioni poste dal ministero della Salute e dall'Agenzia italiana del farmaco sono chiare. O le multinazionali trovano un prezzo ‘etico' per i nuovi farmaci contro l'epatite C, oppure lo Stato potrebbe produrli in proprio a costi contenuti. A renderlo noto è lo stesso direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco, Mario Melazzini.

Nelle ore in cui partono le trattative per il rinnovo delle forniture pubbliche del super farmaco Sofosbuvir, Aifa e ministero, dunque, mettono dei paletti ben precisi a tutela dei malati, dei 1.200 nuovi casi di contagio diagnosticati ogni anno e delle circa 10mila persone che muoiono a causa di questa patologia e delle sue complicanze, come cirrosi e tumore del fegato. In totale, invece, in Italia i pazienti sono circa 300mila. Gli antivirali di seconda generazione contro l'epatite C sono in grado di portare, nella maggior parte dei casi, alla guarigione completa entro 3-6 mesi ma il problema è, appunto, il costo. Melazzini ha chiarito all'Ansa: “L'obiettivo di Aifa è quello di arrivare a un prezzo etico; vogliamo arrivare a un felice esito della negoziazione, ma se non dovesse essere così, siamo disponibili anche, in extrema ratio, a chiedere la licenza obbligatoria, con cui lo stato produrrebbe i farmaci anti epatite C senza brevetto e a prezzo più contenuto". 

Vittoria Neri

Iscriviti alla nostra newsletter
per essere informato su SCONTI e OFFERTE
Lascia un commento
Seguici su facebook
Tieniti aggiornato sulle nostre offerte
costi modalita spedizione
Invita un amico
punti federltà
smart search
il tuo farmacista risponde

IL TUO FARMACISTA RISPONDE

inviaci una mail a:info@bosciaclub.it

Dal Lunedì al Venerdì dalle 09.30 alle 13.00
e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al numero blu
logo Sanco