Pixel facebook
 
Skin ADV

Farsi selfie è una malattia

Farsi selfie è una malattiaPubblicare le proprie foto su Facebook è una malattia. Collezionare autoscatti e poi condividerli con gli amici è una vera e propria ossessione, una patologia da curare. Si chiama ‘selfite' - il bisogno ossessivo di postare selfie, cioè - ed è un vero e proprio disturbo mentale. A renderlo noto sono gli psicologi della Nottingham Trent University e della Thiagarajar School of Management in India all'interno di uno studio pubblicato sull'International Journal of Mental Health and Addiction e riguardante 400 persone.

Secondo gli studiosi, sono tre le categorie della selfite: quella cronica, quella acuta e quella borderline. Quella cronica, ovviamente, è la peggiore: si tratta del bisogno di scattare foto a se stessi in ogni luogo e in ogni momento del giorno e della notte, in preda al delirio narcisistico. Dall'analisi dei test dei volontari sono emerse frasi indicative dello stato mentale di chi non fa altro che scattarsi foto, roba tipo: “Guadagno molta attenzione postando selfie sui social" oppure “fare selfie migliora il mio umore e mi fa sentire felice". 

Vittoria Neri

Iscriviti alla nostra newsletter
per essere informato su SCONTI e OFFERTE
Lascia un commento
Seguici su facebook
Tieniti aggiornato sulle nostre offerte
costi modalita spedizione
Invita un amico
punti federltà
smart search
il tuo farmacista risponde

IL TUO FARMACISTA RISPONDE

inviaci una mail a:info@bosciaclub.it

Dal Lunedì al Venerdì dalle 09.30 alle 13.00
e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al numero blu
logo Sanco