Pixel facebook
 
Skin ADV

Febbre a 40: il pediatra non va a casa

Febbre a 40: il pediatra non va a casaIl caso sta facendo molto discutere e sta dividendo le opinioni. La vicenda si è verificata nei giorni scorsi a Teramo. La neonata ha la febbre molto alta, a 40, il pediatra non può visitare a domicilio, dà un consiglio telefonico e la mamma, non soddisfatta, decide di denunciarlo. Il professionista ha invitato la donna a portare la bambina, due mesi di vita, in ambulatorio e nel frattempo a mettere una supposta di Tachipirina.

“Il giorno prima lo avevo chiamato perché la bambina aveva già tosse e catarro. La mattina dopo, però, aveva quasi 40 di febbre – ha spiegato la mamma al quotidiano Il Messaggero -. Subito le ho messo la supposta di Tachipirina. A quel punto ho chiamato il pediatra per dirgli che non sarei potuta andare in studio e gli ho chiesto se poteva passare lui a casa. I bambini hanno due mesi. Con una febbre così alta come potevo farli uscire di casa? Ma il pediatra mi ha risposto che gli avrei dovuto mettere la Tachipirina. Lui non aveva tempo per venire, né posto per inserirci”. La famiglia successivamente ha chiamato un altro pediatra che, privatamente e a pagamento, ha visitato la piccola.

Vittoria Neri

Iscriviti alla nostra newsletter
per essere informato su SCONTI e OFFERTE
Lascia un commento
Seguici su facebook
Tieniti aggiornato sulle nostre offerte
costi modalita spedizione
Invita un amico
punti federltà
smart search
il tuo farmacista risponde

IL TUO FARMACISTA RISPONDE

inviaci una mail a:info@bosciaclub.it

Dal Lunedì al Venerdì dalle 09.30 alle 13.00
e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al numero blu
logo Sanco