Asma e sport: è possibile fin da piccoli


I bambini asmatici possono fare sport. A sgombrare il campo dagli equivoci è la la Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (Siaip) che rassicura i genitori. Bando alle ansie, ai piccoli asmatici è consentito di praticare qualsiasi disciplina con il solo limite di quelle estreme. L'attività fisica, dice la Siaip, “migliora l'efficienza cardiorespiratoria e previene l'insorgenza di sovrappeso o obesità; il vero rischio per la salute è rappresentato dalla sedentarietà". Anzi, recenti ricerche dimostrano che la percentuale di soggetti sovrappeso e obesi è del 32.5% nei bimbi asmatici rispetto al 21.1% dei bimbi sani.

La Siaip poi dà alcuni consigli per praticare in sicurezza l’attività sportiva: rispettare le terapia prescritta del medico per tenere sempre sotto controllo l’asma; è sempre opportuna una fase di riscaldamento precedente l’attività fisica ed è preferibile la respirazione attraverso il naso, perché riduce il contatto con gli allergeni; l’attività sportiva va praticata in ambienti poco inquinati e con bassi livelli di concentrazione allergenica (acari, pollini); evitare di praticare attività sportive nelle fasce orarie più calde anche per la presenza di ozono; evitare discipline sportive che si svolgono in situazioni ambientali sfavorevoli (come ad esempio l’esposizione ad aria fredda e secca) sport estremi e immersioni subacquee; non praticare attività sportiva in presenza di sintomi (tosse, sibili, affanno) e durante la crisi d’asma. Tra i falsi miti da sfatare, infine, c'è quello che i bambini asmatici possano praticare solo il nuoto. In realtà sono sconsigliati solo gli sport estremi.

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: