La proposta: test antidroga ai medici


Test antidroga sui medici: è questa la proposta appena approvata dal Consiglio regionale della Lombardia e che dovrà essere portata all'esame della conferenza Stato Regioni. La mozione, presentata dal consigliere Riccardo De Corato di Fratelli d'Italia, chiede di “rafforzare" la sorveglianza sui camici bianchi considerato che "alcuni fatti di cronaca hanno posto in luce il problema della stabilità psichica del personale medico". Il riferimento è al viceprimario del pronto soccorso di Saronno, accusato di aver causato la morte di alcuni pazienti con un cocktail di farmaci, che, secondo quanto emerso dalle prime indagini, sarebbe stato un consumatore abituale di cocaina.

I controlli a campione dovrebbero essere a sorpresa - come avviene nello sport - e cercare droga e alcol anche sugli insegnanti: "Molti lavoratori sono già oggi soggetti a sorveglianza (conducenti di veicoli con patente C, personale addetto alla circolazione dei treni, impiegati che maneggiano gas tossici...), ma non gli insegnanti e i medici - ha spiegato De Corato -. Non vogliamo aprire una caccia alle streghe, ma dare una sorveglianza sanitaria a soggetti deboli che operano in campi molto delicati, come la salute o l'educazione dei nostri ragazzi".

Il tuo farmacista risponde

inviaci una e-mail a:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00

oppure chiamaci al: